In Francia studenti trattati come a Guantanamo. Fosse accaduto in Italia? (video)

 

Fosse accaduto nell’Italia gialloverde del M5s e di Salvini ministro dell’Interno, probabilmente sarebbero intervenuti i caschi blu dell’Onu. Accade nella Francia del democratico Macron e la faccenda viene relegata ai media francesi come problema di ordine pubblico.

La Francia si interroga sui metodi del governo

Eppure i fatti, documentati in questo video, parlano chiaro. Si vede il fermo di oltre cento studenti in una scuola di Mantes-la-Jolie, nel dipartimento di Yvelines. Le immagini, diffuse sui social, mostrano gli studenti in ginocchio, con le mani dietro la testa. Attorno a loro, numerosi poliziotti in tenuta antisommossa. I media locali hanno fatto riferimento ad un’operazione delle forze dell’ordine dopo gli incidenti avvenuti nei pressi del liceo Saint-Exupery. Come riporta LIBERATION, il ministero dell’Interno ha spiegato che «122 persone sono state arrestate e trattenute in custodia dalla polizia». Gran parte dei giovani erano «incappucciati» ed erano in possesso di «bastoni, mazze da baseball e contenitori di gas lacrimogeni. L’arresto di un numero così’ elevato di individui ha reso necessaria l’adozione di ulteriori misure di sicurezza».

Con la Francia l’Europa tace e acconsente

«Le immagini sono impressionanti, ma nessun ragazzo è rimasto ferito. Nessuno è stato maltrattato, non abbiamo ricevuto nessuna protesta formale», ha spiegato a LE MONDE il prefetto JEAN-JACQUES BROT. «Le immagini sono scioccanti. Quando le ho viste, anche io sono rimasto turbato», ha detto il ministro dell’Istruzione, JEAN-MICHEL BLANQUER, che ha invitato -ai microfoni di France Inter- a considerare anche «il contesto». Nella zona, il 4 dicembre, sono avvenuti violenti scontri tra studenti e forze dell’ordine. Nei pressi del liceo Saint-Exupery e di un altro istituto, sono stati incendiati diversi cassonetti. La polizia, intervenuta, ha fatto ricorso ai lacrimogeni per disperdere i giovani che lanciavano oggetti contro le forze dell’ordine.

Fonte: http://www.secoloditalia.it/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.